giovedì 21 agosto 2014

Dualità

Volume alto.
Quanto?
Tanto.
Perché così non si può, così non si fa. Così non è onesto.
È torcicollo.
L'immagine di te (di chi?) è perplessità e sconcerto (di-te?).

Dicono (dico-no) che è possibile ciò che non è probabile se talvolta è probabile anche l'impossibile. Ma l'inconcepibile?
È soggettivo.
E per me era inconcepibile, è inconfessabile, sarà intollerabile e tu non lo puoi nemmeno immaginare tanto quanto (voi non lo potete immaginare).

È guerriglia a cielo aperto e imboscata.
Sono fendenti dall'alto e dal basso, di spalle e di fronte, da vicino e da lontano, inaspettati come ghiaccio caldo sulla schiena.
Dove devo guardare? A chi sto parlando?

Vallo a capire.
Anni di niente e ora, è doppio tornado nello stesso sacchetto di patatine.
Non ne bastava uno. No.
Due.
E non ti montare la testa (no, non tu, l'altro. Tu te la sei già montata). Dev'essere il momento. Devo essere io che ho scordato la porta aperta e ora non so più dov'è. La porta.
È come chiedere l'elemosina una vita intera per poi morire travolti da un treno carico d'oro.
Ciò che non sei tu è lui, ciò che non è lui sei tu e di quello che scrivo ci capirete a metà perché, per poterlo comprendere tutto intero, dovreste fare ciò che sarebbe ora faceste una buona volta: fondervi in una sola entità. Non importa di chi il volto, di chi le mani, di chi i capelli. Mi bastano i tuoi silenzi sussurrati e le tue parole scritte, i tuoi sguardi persi e i tuoi stupori ritrovati, le tue spalle larghe e i tuoi anni in più, i tuoi movimenti perfetti e la tua voce di velluto nero (5 a 3 per te).

Tu, che lo so che ci sei rimasto peggio (carezza), dormi.
E tu veglia, sui miei vuoti, le mie gioie, i miei dolori e le mie insonnie fino a che lui non riapre gli occhi.

Brutta sensazione quella di essere due in così poco spazio vero?
A casa mia altro che due eravamo... Stavo stretta fra dieci, cento, forse mille donne che io ci provavo a cercarmi lì in mezzo (c'ho provato) e non mi trovavo mai da nessuna parte. Credo di averle perse così le emozioni.
O forse era solo volume basso.



6 commenti:

  1. Normalmente, quando mi trovo indeciso, la domanda che mi pongo è "Perché scegliere?" ma in questo caso la situazione risulta complessa, anche se chiara.
    Entrambi imperfetti ed entrambi con ciò che servirebbe all'altro. Lo capisco bene, perché io e mio fratello siamo così: ci completiamo.

    Non pensare a ciò che manca: concentrati su ciò che c'è.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella cosa che hai detto... Ne faccio tesoro :-)

      Elimina
  2. certe emozioni sono come i treni nella notte: fanno un gran rumore anche se non li vedi arrivare. e ti travolgono sempre.
    fortunatamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solitamente mi scanso in tempo e li guardo passare. Adoro guardar passare i treni, come i vecchi e i bambini. (Mi piace meno farmi arrotare (biasimami!?)).

      Elimina
  3. Oh, io ti trovo divertente.
    Magari sono così sfasato che non sto asolutamente capendo il senso, però trovo apprezzabili tracce di ironia... me gusta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cavolo... Seguiamole (le apprezzabili tracce di ironia), magari ci portano da qualche parte.
      Comunque, felice tu sia tornato dalle ferie :-)

      Elimina

otatnemmoc reva rep eizarG